Etica, donne, talenti

"Per ottenere un vero sviluppo umano attraverso le nuove tecnologie, abbiamo bisogno di regole etiche solide e condivise, di una nuova classe di giovani talenti e di un significativo aumento della partecipazione delle donne"

L’uso crescente di nuove tecnologie sollevano questioni etiche critiche; in particolare, l’intelligenza artificiale apre scenari sorprendenti e inimmaginabili che devono essere adeguatamente regolamentati e gestiti in modo responsabile, per non avere effetti dannosi e indesiderabili.

La diffusione dell’AI comporta la “rimozione” della responsabilità umana per decisioni particolari, sottraendo alcuni compiti al controllo umano. Di conseguenza, l’autodeterminazione umana e le scelte vengono minate, lasciando alle macchine la presa di decisioni sempre più rilevanti e complesse. Ad esempio, un’auto che si guida da sola deve decidere se investire una persona che attraversa la strada in modo non corretto o evitarla mettendo in pericolo la sicurezza dei passeggeri; o l’uso di strumenti di intelligenza artificiale può essere utilizzato per assumere lavoratori. Tale “interferenza” delle macchine nella vita quotidiana può essere accettata solo se c’è un alto livello di fiducia nell’intelligenza artificiale.

Ecco perché il settore pubblico deve mantenere un controllo continuo su tali processi e regolamentarli con attenzione.

È necessario elaborare una regolamentazione precisa e dettagliata di ciò che può o non può essere lasciato all’intelligenza artificiale, sensibilizzando le persone, al fine di gestire e non temere le nuove tecnologie.

È necessaria una disciplina normativa ben definita per tutte le nuove tecnologie. Ancora, le discussioni etiche possono essere collegate all’uso dell’intelligenza artificiale e dei Big Data e – in particolare – agli esperimenti sugli esseri umani. Da un lato, questi esperimenti sono l’unico modo per scoprire nuovi trattamenti; dall’altro, potrebbero diventare una fonte di abuso. Pertanto, una regolamentazione governativa precisa e “intelligente” è cruciale in tutti questi campi per evitare abusi.

Tuttavia, i rischi e le criticità evidenziati nel presente documento non dovrebbero rallentare la ricerca e lo sviluppo di nuove tecnologie. L’epoca in cui viviamo offre possibilità senza precedenti dal punto di vista tecnologico e innovativo. Pertanto, è essenziale che i ricercatori continuino ad essere formati e che sempre più giovani si avvicinino allo studio delle nuove tecnologie con determinazione e passione. Artificial Intelligence, HPC e Quantum Computing sono aree in continua crescita, con ampi margini di miglioramento e sviluppo nei prossimi anni.

Alla luce di ciò, è fondamentale avvicinare i giovani studenti alle imprese private. Purtroppo, diversi dottorandi hanno difficoltà a trovare un lavoro nel settore privato, anche se le loro competenze sono fondamentali e preziose per le aziende. Pertanto, è necessario creare iniziative per sottolineare il valore aggiunto che può fornire un individuo con una forte conoscenza tecnologica.

È anche importante integrare le competenze tecniche con le abilità umanistiche. Dobbiamo sviluppare nuove generazioni di scienziati che abbiano una visione approfondita della loro disciplina e un’ampia comprensione del mondo che li circonda.

Questo approccio deve includere una quota molto più elevata della popolazione femminile. Le nuove tecnologie digitali sono ancora considerate un campo puramente maschile, ma non è così. Sempre più donne si laureano in ingegneria e si specializzano in una particolare disciplina. In contrasto con la credenza popolare, l’ingegneria, la fisica e lo STEM sono materie molto creative in cui le donne possono eccellere. Pertanto, è necessario prevedere meccanismi e politiche che consentano un elevato livello di inclusione delle donne nelle nuove tecnologie, seguendo l’esempio di molti istituti di ricerca, lanciando programmi, sovvenzioni e attività per reclutare donne e minoranze. La diversificazione e l’inclusione nella scienza rappresentano un immenso valore aggiunto e devono essere perseguite con forza.

Stay updated on the latest IFAB events and projects.Subscribe to our monthly newsletter